Categoria: Cinema

0

Donnie Darko, il film che guardò agli anni 80 prima di Stranger Things

D’altronde, capisco quanto possa piacerti quest’idea che mostri e fantasmi siano ordinari abitanti del tuo mondo, esseri concreti non più relegati in spazi-tempo remoti e inoffensivi. Capisco quanto ami questo stile a metà tra parodia e omaggio allucinato, che rivisita il tuo passato prossimo e il cinema che l’ha plagiato;...

0

Elephant, il film da Palma d’Oro sul massacro della Columbine High School

La disaffezione bressoniana cui fa riferimento Kent Jones in “Film Comment” (settembre ottobre 2003) è luminosa chiave di lettura del film. Gus Van Sant ripete il processo di fantasmizzazione di Psycho, eleva l’evento (s)oggetto dell’opera alla scarnificazione estrema della riproduzione. Non a caso nella copia di Hitchcock la vera provocazione...

0

Bowling a Columbine, il documentario inchiesta di Michael Moore

15 ottobre 2002. USA: il killer cecchino uccide la sua nona vittima. Si dice sia un ex militare a causa della precisione con cui spara. Italia: ex guardia giurata uccide la moglie, i parenti di lei, più altre tre persone, poi si suicida. A casa aveva un arsenale. Questa è...

0

Dolls, tre storie d’amore insolite nel film di Kitano

Quando ero ancora un aspirante comico (…) ho visto un uomo e una donna legarsi con un pezzo di corda. La gente del posto li chiamava “i vagabondi legati”. Takeshi Kitano   Quello che colpisce nell’immediato sono i colori, novità assoluta in un film di Kitano. Subito dopo a prevalere...

0

Dogville: recensione del primo capitolo della trilogia di Von Trier

Accettare il prossimo, accettare le sue idee. Accettare ciò che non si vede, ciò che non si può toccare. É su questa fede (dei personaggi, degli spettatori) nell’Immateriale che si basa Dogville. Pareti trasformate in linee bianche sul pavimento. Siepi disegnate. Porte inesistenti che emanano cigolii reali. Una roccia di...

0

Dancer in the dark, la Palma d’Oro di Lars Von Trier

Uno schermo nero. La sala cinematografica immersa per un interminabile istante nella oscurità (dark) più completa. Una ossessiva musica (dancer) roboante e ripetitiva colma il vuoto visivo. L’incipit di Dancer In The Dark è molto più di una esplicita dichiarazione d’intenti, racchiude in un breve lasso di tempo la crisi della visione...

0

Love Actually – L’amore davvero: recensione del film simbolo del Duemila

Uno sceneggiatore, Richard Curtis, che ha avuto la ventura di firmare tre delle commedie romantiche inglesi più riuscite del decennio (Quattro Matrimoni e Un Funerale, Notting Hill e Il Diario di Bridget Jones), un cast di attori d’oltremanica capace di fare invidia al più fulgido firmamento hollywoodiano, una colonna sonora emozionante e zuccherosa...

0

Il diario di Bridget Jones, il film che fece conoscere Renée Zellweger

Bridget Jones è sovrappeso, insicura, pasticciona, alquanto volgare, ma è se stessa. Ha 32 anni. La società vuole che una donna a quell’età se non è sposata o fidanzata, sia zitella; single è solo una parola che riconduce al significato di sempre. Di solito le feste comandate (il Natale soprattutto)...

0

Notting Hill ha compiuto 20 anni e parla ancora di noi

L’amore non conosce barriere… almeno nei sogni, dove è possibile anche che un timido e impacciato libraio faccia innamorare la più famosa star di Hollywood. E’ ciò che succede in Notting Hill, graziosa commedia romantica ideata e prodotta dai realizzatori di Quattro Matrimoni E Un Funerale (Richard Curtis, Duncan Kenworthy, Tim Bevan e...

0

Luna Rossa di Capuano è il film sulla malavita da riscoprire

Luna Rossa ti colpisce come un pugno nello stomaco. Non ti dà neppure il tempo di pensare, solo di sentire il dolore. Forte, improvviso, proprio lì alla bocca dello stomaco. Arroccati all’interno del loro moderno castello, alcuni membri della famiglia camorrista dei Cammararo attendono con ansia l’esito della battaglia con la...


Notice: Undefined variable: font_family in /home/mhd-01/www.armadillofurioso.it/htdocs/wp-content/plugins/gdpr-cookie-compliance/moove-modules.php on line 282