Let’s Go (So We Can Get Back), il memoir di Jeff Tweedy dei Wilco

Let’s Go (So We Can Get Back), così si chiama il memoir, edito da Sur, di Jeff Tweedy, leader dei Wilco, gruppo rock figlio del grande canzoniere americano. Una biografia divertente e autoironica, che instaura sin da subito un rapporto esclusivo con il lettore. Tweedy inizia precisando che il libro non è per lettori che cercano storie sulla sua dipendenza da oppiacei per poi correggersi subito scrivendo “Gesù, ovviamente scriverò delle droghe”.

Questo tipo di storytelling, senza fronzoli e sincero, è la cifra stilistica dell’intero libro che segue l’educazione sentimentale del piccolo Jeff a partire dalla sua prima passione per la musica fino alla complicata relazione con i Wilco e alla collaborazione con suo figlio Spencer.

Non entrerà mai tra i classici del genere perché “Let’s Go” non ripercorre sessant’anni di storia del jazz, come fa Davis nella sua autobiografia, e non ci sono i giudizi cinici e cattivi di Kim Gordon sulle donne della pop music, come in “Girl in a band”. Però è un volume importante perché racconta una generazione di songwriter, lontana dalle logiche delle major, che ha saputo spingersi più avanti senza adagiarsi sullo stile già consolidato dei vari Dylan e Cash.

Jeff Tweedy è solo un ragazzo che adora scrivere canzoni e che ama raccontarsi, senza approfondire troppo alcuni aspetti della sua vita. Ritorna su alcuni litigi, come quello con Jay Farrar, il cofondatore degli Uncle Tupelo, o con Jay Bennett dei Wilco ma lo fa con il candore del migliore amico che ha bisogno di sfogarsi dopo tanti anni, quasi con un po’ di disillusione. Non lesina storie, Tweedy è loquace ed è bravo a non rendere figa la sua ex dipendenza dalle droghe, come potrebbe fare un Keith Richards qualsiasi. Si dibatte, arriva dolorosamente ai momenti più oscuri della sua vita ma, alla fine, riesce a rovistare voracemente dentro di sé. Il nemico, quello che aveva dentro, una volta messo su carta è sconfitto. Il percorso che propone non annoia, la scrittura di Tweedy è scorrevole, intima e accattivante, soprattutto quando racconta il rapporto con sua moglie.

Lo stile conversazionale di Tweedy rilassa il lettore, che può interagire con lui accettando i suoi inviti a fermarsi e a guardare video su YouTube (come capita all’inizio col video di Rich Kelly & Friendship) oppure riascoltando i suoi album quando li cita. Ed è una qualità da non sottovalutare se si è alla ricerca di qualcosa di veramente genuino.

 

Jeff Tweedy

Let’s Go (So We Can Get Back). Una storia di dischi e discordie con i Wilco (e non solo)

Data di uscita: settembre 2019

Edizioni Sur

Prezzo: 19 euro

Pagine: 320

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Notice: Undefined variable: font_family in /home/mhd-01/www.armadillofurioso.it/htdocs/wp-content/plugins/gdpr-cookie-compliance/moove-modules.php on line 282