Modo Minore, Enzo Moscato alla Sala Assoli

Lo scenario politico e culturale degli ultimi anni ha dato troppo risalto al tempo presente dimenticando, spesso, il passato. La nostra crisi morale è anche frutto di una mancata capacità di relazionarci con il tempo che fu, con le nostre radici ed è il segno più evidente di questo presente accidentato.

Modo Minore, l’ultima creazione di Enzo Moscato, evoca questa crisi senza nominarla, recupera canzoni poco conosciute della musica popolare italiana e napoletana e le intreccia con i brani più famosi di Gaber e Tenco. Crisi di un presente che non pensa al futuro e non ricorda il passato. Modo minore è l’avvento del passato nel presente: Moscato parte dagli anni ‘50 e arriva fino agli anni ‘80 per offrire un percorso che recupera il senso e il valore di tanti testi ormai dimenticati e di un modo di vivere che non ci appartiene più.

Il presente è ciò che è davanti a noi e, per poter andare avanti, per procedere, bisogna guardarsi intorno e rivolgersi al passato. Modo Minore è l’occasione, quindi, per Moscato, di raccontare la sua storia, la sua nostalgia, il suo passato e condividerlo con il pubblico. Grazie alla direzione musicale di Pasquale Scialò, co-creatore del progetto e ad un quartetto di musicisti talentuosi (Paolo Cimmino, Antonio Colica, Antonio Pepe, Claudio Romano), Moscato racconta in scena i testi di Giacca rossa e’ russetto di Renato Carosone, di O’ Jukebox cantata da Sergio Bruni o di brani dimenticati come O’ bar ‘e ll’università di Enzo Di Domenico e li fa diventare teatro. Le canzoni sono alternate da frammenti di testi scritti da Moscato, piccoli ritratti di Napoli e dei napoletani, che rafforzano i bozzetti evocati dai brani scelti. Canzoni, quindi, come ritornanti, spettri, scampoli di vita vissuta che si spengono nel perimetro oscuro delle parole roventi di Moscato.

Lo spettacolo è divertente, Moscato è bravo ad alternare racconto e canto, parole e note, che dispone sulla sua personalissima partitura secondo una scala di modo minore, nostalgica e malinconica. La sua voce è nuda, fuori campo ed è il motore di un rito collettivo, per tutti, all’interno dello spazio dell’irrappresentabilità.

Alla fine dello spettacolo, un corto diretto da Carlo Guitto mostra un gruppo di bambini correre per i vicoli e divertirsi. Entrano nella Sala Assoli e assistono, per la prima volta, ad un film di Totò. Il passato irrompe, d’improvviso, nel futuro e, per un attimo, solo per un attimo, il presente sembra avere un senso.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Notice: Undefined variable: font_family in /home/mhd-01/www.armadillofurioso.it/htdocs/wp-content/plugins/gdpr-cookie-compliance/moove-modules.php on line 282