Comicon 2019: giorno uno

COMICON 2019, con la sua XXI edizione, è terminato qualche giorno fa. Qui mi piacerebbe raccontarvi com’è stato il mio Comicon, gli autori incontrati e gli appuntamenti irrinunciabili di questo festival.

Comicon 2019

 

Se avrete voglia di seguirmi in quest’avventura, rivivremo insieme uno degli eventi a tema fumetto più attesi della primavera!

Il primo giorno è cominciato alla grande con fantastici incontri e proiezioni esclusive. Il Magister Gipi – che è stato così gentile da concedermi un selfie! – ha dato un’impronta moderna e attenta ai nostri tempi per questa edizione 2019.

Comicon 2019

Anche il manifesto, firmato da Francesco Francavilla guarda al futuro: la sua illustrazione è un omaggio a Moebius e rappresenta una “Napoli futuristica dove i teenager possono guidare hover-scooter accompagnati da robot giganti in una corsa verso le porte di Comicon”.

Comicon 2019

L’evento che ha segnato la prima giornata di Comicon è stato il Bastardi Day, dedicato al volume targato Sergio Bonelli Editore che adatta in chiave fumettistica la serie di successo di Maurizio De Giovanni.

Comicon 2019

Un evento tutto napoletano che sottolinea il ruolo fondamentale dell’arte e del fumetto nella capitale partenopea. Il volume, realizzato dall’esordiente Fabiana Fiengo è il prodotto di un impegno collettivo scaturito totalmente da un team di talenti sfornati dalla Scuola Italiana di Comix, capitanata dal direttore Mario Punzo.

La storia de I Bastardi di Pizzofalcone viene riadattata utilizzando degli animali antropomorfi: i poliziotti protagonisti della serie, si trasformano quindi in cagnoni umanoidi. Il risultato, dal punto di vista grafico, è davvero d’impatto.

Altre presenze femminili hanno dato l’impronta alla prima giornata di Comicon: l’artista Mirka Andolfo, altro incredibile talento tutto partenopeo e l’illustratrice Sakka, autrice di Goodbye Marilyn, a cui è ispirato il cortometraggio trasmesso in sala proiezioni diretto dalla regista Maria Di Razza.

Un bellissimo esperimento che dimostra ancora una volta la grande versatilità del fumetto e il suo stretto legame con il cinema.

Nel corso della prima giornata, si è poi tenuta un’interessante presentazione con gli autori, selezionati da Gipi in persona, come nuove promesse del fumetto italiano: Maicol&Mirco, Giacomo Nanni, Enrico Pantani, Roberta Scomparsa, Zuzu.

Altro piacevole incontro è stato quello dedicato a Redrawing Stories from the Past #2, la seconda parte di un progetto di racconto sulla migrazione. La mostra delle tavole originali si trova nella sede del Goethe Institut di Napoli.

E siamo soltanto al primo giorno… Continuate a leggermi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Notice: Undefined variable: font_family in /home/mhd-01/www.armadillofurioso.it/htdocs/wp-content/plugins/gdpr-cookie-compliance/moove-modules.php on line 282